Lo studio di un bravo osteopata a Milano? Lo trovi nel Coworking Work&Co a Segrate

Lo studio di un bravo osteopata a Milano? Lo trovi nel Coworking Work&Co a Segrate.

Molti professionisti della salute, per esercitare il proprio lavoro, non hanno bisogno di strumentazioni particolari. Parliamo ad esempio degli osteopati, i cui strumenti di professione – è proprio il caso di dirlo – sono le loro mani.

Come Alessandro Rota, iscritto al Registro Osteopati d’Italia (R.O.I.), diplomato presso SOMA, Istituto Osteopatia Milano, e come Personal Trainer laureato in Attività motoria preventiva ed adattata.

Per curare casi di lombalgia, cervicalgia, disturbi posturali e muscolo-scheletrici e percorsi di recupero post infortunio/intervento, Alessandro Rota ha scelto di ricevere i suoi pazienti nello studio attrezzato che ha preso in affitto nello spazio di coworking Work&Co a Segrate, a pochi passi da Milano.

Per chi frequenta il nostro coworking si tratta di un’occasione per concedersi una seduta da un bravo osteopata e rimettersi in sesto.
Ad Alessandro Rota abbiamo chiesto di spiegarci cos’è l’osteopatia, che lui identifica subito come una nuova via verso il benessere.

 

Osteopatia, una nuova via verso il benessere
L’Osteopatia è una terapia manipolativa riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che si basa sul contatto manuale per valutare e trattare il paziente. Il suo obiettivo è quello di favorire, tramite tecniche di manipolazione, l’equilibrio globale del corpo.

Si basa su quattro principi cardine, che rappresentano le linee guida per il trattamento dei pazienti:

  1. Unità del corpo: l’osteopatia considera la persona nella sua globalità, come l’unione tra il corpo, la psiche e la sfera sociale.
  2. Capacità di autoguarigione: il corpo ha la capacità di autoregolarsi e di mantenere lo stato di salute, per questi motivi il terapista deve solamente favorire questi processi di autoguarigione.
  3. Unione tra struttura e funzione: uno squilibrio tra queste due componenti crea la disfunzione somatica.
  4. Il trattamento manipolativo osteopatico si basa sui primi tre principi: l’unità del corpo, la capacità di autoguarigione e l’unione tra struttura e funzione devono guidare il terapista nella corretta somministrazione della terapia osteopatica.

L’Osteopatia è una terapia piuttosto recente. Nasce negli Stati Uniti nel 1874 quando il medico Andrew Taylor Still, contro lo spirito conservatore dei suoi colleghi, intuisce quanto i diversi sistemi corporei siano intrinsecamente collegati e la salute (o la malattia) dell’uno possano influenzare tutti gli altri.

In seguito, l’osteopatia si è diffusa in tutto il mondo. È oggi riconosciuta come uno strumento di cura di moltissime sindromi e patologie, e nonostante la sua grande evoluzione, rimane fedele al credo e ai principi del dottor Still, che ha considerato l’importanza fondamentale del trattamento manuale in ambito medico e dell’analisi obbiettiva di ogni singolo paziente.

L’efficacia del trattamento osteopatico emerge dai risultati clinici e scientifici, come dimostrato dalle Linee Guida sulla Lombalgia. Il suo valore terapeutico, oltre ad essere testimoniato dagli stessi pazienti, è dimostrato dalle evidenze emerse nelle pubblicazioni scientifiche internazionali.
Da un’indagine demoscopica realizzata per il Registro degli Osteopati d’Italia (R.O.I.) si stima che siano oltre 10 milioni gli italiani che si rivolgono alla figura dell’osteopata, un terzo dei quali su consiglio del proprio medico curante o di uno specialista.

I suoi campi di applicazione sono molteplici e sempre in via di sviluppo. La ricerca scientifica in ambito osteopatico, infatti, sta compiendo progressi e attestando la validità di questa terapia manuale in varie e nuove direzioni.

L’osteopatia non tratta solo problematiche muscolo-scheletriche quali lombalgia e cervicalgia, ma è utile anche nel trattamento del mal di testa, di disturbi intestinali come la sindrome del colon irritabile, di dolori dovuti al ciclo mestruale, disequilibri legati allo stress e molto altro.

Perché affidarsi a un osteopata

I mesi che seguono le ferie rappresentano spesso un periodo molto complicato per la ripresa dei normali ritmi lavorativi milanesi e l’inizio di vari impegni che non ci facciamo mai mancare. Lo stress generato da questi fattori favorisce l’insorgere o l’acutizzarsi di fastidi, dolori e patologie che, se trascurati, possono peggiorare velocemente limitando le nostre prestazioni e la vita quotidiana.

L’osteopatia può diventare il tuo strumento di sostegno e di risoluzione di quelle problematiche, anche di lungo termine, per le quali non hai trovato una soluzione efficace.

La sua capacità di analizzare l’individuo nel suo complesso potrà risultare determinante e accompagnarti in un percorso personale verso il raggiungimento di un’armonia e di un benessere psicofisico.

Per queste ragioni ti propongo di provare il trattamento osteopatico, sarà in grado di sostenerti e di darti quell’energia necessaria ad affrontare le difficoltà di questo periodo. Per te, la prima seduta per tutto il mese di settembre sarà a metà prezzo!